Ivano Mazzucchi

Pittore e Scenografo

Ivano Mazzucchi


1948: il 2 marzo nasce a Camaiore, in Versilia


1953: a 5 anni comincia ad impastare l'argilla nel campo vicino a casa, e fa statuine che si sfaldano asciugando. Deluso, decide di passare a disegnare: la carta resiste più della materia.


1958: incomincia a dipingere a olio: copia cartoline di paesaggi, e poi dipinge paesaggi dal vero.


1962: ha 14 anni, sa che il pittore Cesarino Monti si è stabilito in Versilia, e riesce a diventare suo allievo. Inizia così un lunghissimo periodo "a bottega", in cui forgia il proprio talento naturale apprendendo tutte le tecniche pittoriche (disegno, olio, tempera, affresco, tecniche varie).


1964: frequenta il liceo artistico di Carrara dove viene premiato dal pittore Carlo Carrà, uno dei grandi artisti "versiliani".


1966: è premiato con una targa all'XI Premio Viareggio, e si diploma.


1967: si iscrive ai corsi di Scenografia della Accademia di Brera in Milano. Continua la collaborazione con Cesarino Monti nella ricchissima produzione ritrattistica di personaggi del bel mondo italiano e dello spettacolo.


1970/71: inizia le collaborazioni nel campo della scenografia. Entra in conflitto con il direttore dell'Accademia di Brera, prof. Varisco, ed è costretto ad "esiliarsi" alla Accademia Albertina di Torino, dove eccelle e vince il prestigiosissimo "Premio Avondo".


1972:si diploma e inizia l'attività di scenografo nel cinema milanese (con Lizzani, Nichetti, Giordana).


1974: conosce il famoso critico e storico dell'arte Franco Russoli,Direttore della Pinacoteca di Brera,-un altro "versiliese" illustre-, che si interessa al suo lavoro e diventa un prezioso consigliere. Purtroppo per poco, perchè dopo pochi mesi morirà. Il giovane pittore entra in crisi, e quasi abbandona la pittura.


1975/1988: si afferma sempre più in tutti i settori della scenografia dello spettacolo: dal teatro lirico al teatro di posa, dal varietà al musical e agli spettacoli di scena, fino ai grndi spettacoli circensi internazionali. Inizia anche la collaborazione con le televisioni, sia con la RAI ("Portobello" con Enzo Tortora, "Giochi senza frontiere", "40 e dintorni" con Enzo Biagi e altri spettacoli) , che con le televisioni private ("Grand' Hotel" per Canale 5, "Quo Vadiz" per Rete 4, "Drive In" con Ezio Greggio e altri ancora). Passa a promuovere la scenografia anche nel settore dei mass-media (editoria, pubblicità) e dell' entertaining ( conventions, grandi feste private).


1988: scrive di sé a futura memoria: "Nel 1988 interrompo l'attività di scenografo per rigetto verso la città e l'ambiente dello spettacolo, e mi trasferisco in Versilia con l'intento di dedicarmi alla pittura"


1997: esordio del nuovo corso con una grande esposizione organizzata dal Comune di Montalcino nelle splendide sale della sua Fortezza. Nell'occasione è uscita una pubblicazione per i Tipi della Pezzini Editore con supporto critico di Enrico Bellati.

 

Ivano Mazzucchi 

Esclusiva Italia/Svizzera/Europa PM Management Group Production

Booking Mobile +41 76 525 84 20. Cell. +39 328 53 77 623